You are currently viewing Tutto quello che ho imparato sull’autostima

Tutto quello che ho imparato sull’autostima

Autostima - tutto ciò che ho imparato

Autostima - tecniche fai da te per credere di più in sé stessi

        In Breve

  • Autostima e auto sabotaggio- quanto ne sappiamo a riguardo?
  • Calo dell’autostima- da cosa può dipendere e una tecnica che aiuta a contrastarlo
  • Auto indulgenza- un bene o un male? Allontaniamoci dall’assolutismo

 Autostima- nessuno di noi ne è sprovvisto per naturale attitudine e in maniera irreversibile

La parola autostima indica il grado di apprezzamento verso il proprio essere, vediamola come una vera e propria unità di misura che valuta la tendenza delle persone a credere nelle proprie capacità. Si tratta di un frammento di identità che si costruisce lentamente e sulla quale influiscono in maniera esponenziale l’educazione familiare e il contesto ambientale e culturale in cui si vive.

Un ruolo importantissimo è giocato dall’interpretazione che si attribuisce a ciò che accade intorno.

Calo dell’autostima, da cosa può derivare?

Naturale attitudine o conseguenza di avvenimenti particolari, il calo dell’autostima può essere lieve o rovinoso, ciò che è certo è che la sua origine è soggettiva. L’unico elemento che, invece, vale per tutti è che il suo manifestarsi è assolutamente temporaneo. La verità è che può capitare che l’immagine riflessa allo specchio non corrisponda a quella che più ci piace, la versione migliore di noi stessi è lì dietro, non si palesa tutti i giorni della nostra vita. Prendiamo in esempio la natura: la bella di notte dorme chiusa ogni notte ma fiorisce ogni giorno, anche nei giorni di pioggia. La notte non influisce sulla sua identità (infatti non si trasforma in un tubero appena cala il sole.) Si tratta sempre dello stesso fiore, che è solo momentaneamente celato.

Nei casi in cui si vivono situazioni di grande difficoltà, invece, il sentirsi sprovvisti delle facoltà per venirne fuori è conseguenza diretta della naturale tendenza all’auto sabotaggio.

Auto sabotaggio, di cosa si tratta?

L’auto sabotaggio si manifesta mediante la tendenza ad assecondare la paura del cambiamento. Agisce sui comportamenti messi in atto a livello inconscio che ci spingono a bloccare i nostri passi in avanti e, di conseguenza, il raggiungimento dei nostri obiettivi.

C’è un modo per contrastarlo?
Proviamo a riportare alla mente un momento del nostro vissuto in cui abbiamo sentito di indossare finalmente i panni giusti: non si trattava di un ideale ma di un’immagine reale che apparteneva proprio a noi! Focalizziamoci su un fatto lucido e certo: se siamo riusciti a sentirci soddisfatti di noi stessi anche solo per un periodo, abbiamo ottime possibilità di fare in modo che riaccada.
Concederci qualche pacca sulla spalla di tanto in tanto non farà di noi degli individui affetti da irreversibile autoindulgenza, ma dei semplici essere umani, nel vero senso del termine.

Esistono tecniche per aumentare il proprio grado di autostima?
Naturalmente ogni caso è a sé, ma conosciamo (e vi consigliamo) una tecnica dall’efficacia assicurata. Durerà solo una settimana ma si può ripetere svariate volte durante l’anno. Sarà come avere la vostra personale confezione di serotonina liquida senza effetti collaterali, da assumere qualche goccia alla volta al bisogno.

Ogni mattina, prima di iniziare la giornata, provate a scrivere su un foglio due delle vostre caratteristiche positive seguite dalla domanda “come posso applicarle al meglio durante la giornata?”.
Prima di dormire scrivete la risposta alla domanda del mattino, aggiungendo almeno una buona caratteristica che avete notato in voi stessi durante la giornata.
A fine settimana sarete arrivati ad una lista lunghissima di pregi messi nero su bianco, la sensazione di benessere che vi recherà la vista di quel susseguirsi di virtù riferite alla vostra persona sarà sorprendente! E, ultima ma non meno importante, quando vi trovate a dover affrontare un problema scrivete le risorse di cui disponete per poterlo affrontare. Scrivete, scrivete, scrivete. Non è sempre la soluzione, certo, ma aiuta sempre. Più di quanto pensiate.

 Francesca Bubba

Lascia un commento